Di tutti i no peggiori

Ultimamente si è tentato di eliminare l’accezione negativa della parola “NO”, arricchendola di un significato positivo quando accompagnata da un costrutto con finalità educative. I famosi “No che aiutano a crescere”.

Nonostante questo cambiamento, credo che il “no” seguito da alcune parole conservi ancora la sua amarezza e crudezza. Di tutti i no motivati i peggiori sono:
– “No, non è il momento”;
– “No, adesso no”;
– “No, ora non e il caso”.

Queste tre frasi trasmettono l’idea che c’è sempre qualcosa di più importante rispetto al nostro interlocutore, che quello che c’è da condividere, costruire o semplicemente comunicare può aspettare.
Chi vuol mettersi in relazione con noi, che potrebbe aver bisogno di noi, che vorrebbe vivere sogni con noi può “attendere prego”.

Pensiamo a questa situazione in un rapporto di coppia.
Quanto può fare male vivere nell’attesa?
Quanto può ferire e demolire il non ascolto (non dico la costruzione) di un sogno che l’altro vorrebbe condividere con noi?
Quanto può farci sentire soli il fatto che cose o altri siano prioritari per chi amiamo e dice di amarci a sua volta?

Sento storie di donne, perché siamo soprattutto noi a vivere questo dislivello, che a cose importanti – come il desiderio di una famiglia – ricevono uno o tutti e tre i no sopracitati.
Mi chiedo: se non ora quando? Quanto tempo pensiamo di avere ancora a disposizione, che rimandiamo e ci dimentichiamo di chi abbiamo vicino?

Il tempo è oggi, ora, il presente.

Un tempo che non tornerà e che potremmo rimpiangere.
Tempo che perdiamo e che potrebbe non regalarci sogni da realizzare.
Tempo che cediamo alla paura e non alla vita.
Proviamo a non dire “no, ora non é il caso”, eviteremo di demolire chi vi sta vicino.
Prendiamoci piuttusoto cura di chi in quel momento ha bisogno semplicemente del nostro ascolto, dandogli un po’ di tempo. Ne Usciremo edificati.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *