i killer e l’amore

Questa settimana hanno cercato di “uccidermi” varie volte, con gesti e parole, ma il Signore è sempre venuto a consolarmi con la sua Parola. Ora devo dire che il “tentato omicidio verbale” fa male, male da morire e fa male ancora di più se a questa violenza si risponde con la spada. Non che se non si controbatta si stia meglio, perché rimane sempre la ferita inferta, ma si avrà almeno evitato di far provare lo stesso dolore a chi del male ci ha fatto. 

Ora per me il problema è proprio questo: l’Amore. L’Amore costa una gran fatica, perché Amare chi ti Ama é di una semplicità estrema, ma amare chi ti uccide, amare 70 volte 7, é un impresa faticosa ma realizzabile, perché nulla è impossibile a Dio e a chi in lui confida. Infatti, l’uomo non è fatto ad immagine di Dio? Quindi perché non dovrebbe avere un seme di bontà nel suo cuore? Ce l’abbiamo eccome questo semino solo che non siamo capaci di coltivarlo per essere persone che risplendono di Amore.  
Io credo che quando moriremo davvero non verremo giudicati su quanto abbiamo guadagnato, quanta carriera abbiamo fatto, quante volte ci hanno detto bravi, quanti successi abbiamo avuto, quante cose abbiamo vinto e quante ne abbiamo comprate, ma su quanto abbiamo Amato. Ecco cari Killer e cara Veronica, che killer sei pure tu, nessuno ci da il diritto di dire stupido a qualcuno, né di rovinargli la giornata e né di togliergli la felicità per qualche nostro capriccio. Chi siamo noi per poterci permettere di distruggere chi ci sta intorno? Nessuno, risposta. 
Il problema, ripeto, è l’Amore, tutto il resto è secondario, non contano i soldi, il lavoro, i successi, conta quanto si Ama. Infatti, non si possono servire due padroni: “O Dio o Mammona”, dice il Signore, o Dio o i Soldi. Non siamo chiamati ad essere tiepidi, ma persone che scelgono da che parte stare: o con Cristo o contro di Lui. Dio non accetta compromessi, il 50 a lui e il 50 all’idolo del denaro, ad esempio, o sei con Lui o no, o sei con Lui sempre fidandoti del progetto che ha per te o sei dall’altra parte. O AMI o uccidi. 
“L’amore è Paziente, non si insuperbisce, non tiene conto del male ricevuto” tutto vero, però che dolore tutte le volte che ti uccidono e quanto si indurisce il nostro cuore quando siamo noi ad uccidere. Io ho provato a non rispondere con la spada al male ricevuto, mi ha fatto versare lacrime amare, ma almeno spero di non aver inferto nessun colpo al mio killer potenziale. 
Tutto questo non è per sentirmi dire brava è solo per cercare di essere vicina a chi l’Amore non me l’ha mai fatto mancare, ovvero Dio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *