Per sognare Parigi

Prima di leggere o mentre leggete ascoltate questa canzone: 
Ci sono città che fanno sognare e ti fanno innamorare di loro, per me questa città si chiama Parigi. Nonostante abbia visto parecchie città nessuna mi ha rubato il cuore come lei. Ho sempre detto che sarebbe stata la mia ultima meta, a causa di una spiccata antipatia per i cugini “mangia ranocchie”, ma ora se potessi ci andrei a vivere subito abbandonando tutte le mie certezze e radici Perugine. 
Questo amore nasce perché qualcuno me lo ha trasmesso e quel qualcuno è mio marito Gabriele. Gabriele ha vissuto a Parigi lavorando per uno dei musei più prestigiosi del mondo: il Louvre. Vi assicuro che visitare una città con una persona che la conosce come le sue tasche assume tutto un altro sapore: non hai problemi di lingua in primis, scopri angoli nascosti non segnalati dalle guide, sai dove andare a fare spesa, dove andare a mangiare qualcosa di buono a colpo sicuro, sicuramente non sbagli metro, strada o linea del bus. Soprattutto io ho potuto visitare il Louvre con la mia love-guida personale che ha fatto una selezione delle cose migliori da vedere spiegandomi ogni sezione del museo, i quadri, gli autori e indicandomi come quelle finestre sopra i tetti del Louvre ospitano gli uffici delle grandi menti che lavorano e ruotano intorno al museo. 

Ho scoperto che di fronte alla Gioconda c’è un quadro meraviglioso, “Le nozze di Cana“, di Paolo Veronese, che mio marito trova molto interessante, ma che nessuno calcola abbastanza!
Finalmente ai musei io non mi annoio più perché Gabriele sa spiegare quello che abbiamo di fronte con amore, passione e competenza che trasmette a chi lo ascolta. Rimango sempre affascinata quando mi parla di un quadro e mi chiedo: “sei normale amore mio? Riesci a contenere nel tuo cervello una quantità di informazioni incredibile: date, autori, storie, correnti, pettegolezzi..”
A me di Parigi piacciono anche le finestre dei palazzi: così grandi e senza persiane che permettono di fare penetrare una quantità di luce che riscalda l’animo! 

Ci sono stata due volte: la prima era un viaggio regalo di Gabriele per la mia laurea, la seconda era l’ultima tappa del viaggio di nozze e avevamo con noi Alessandro.
Durante il primo viaggio siamo stati a cena in un ristorante meraviglioso, il Bouillon Racine (http://www.bouillon-racine.com): un posto accogliente, ben curato, dove si mangia alla francese e in stile francese che per me vuol dire con I MINI TAVOLI sopra i quali a mala pena entra il tuo braccio e il piatto!
Parigi ospita una delle più belle librerie inglesi: SHAKESPEARE & COMPANY (http://www.shakespeareandcompany.com). Un posto per riposare l’animo, fare il pieno di una cultura che sembra stia scomparendo, accogliente ma allo stesso tempo disordinato, dove il tempo sembra essersi fermato ad Hemingway..
Queste sono solo delle piccole chicche che porto nel cuore e ho voluto condividere con voi, ce ne sono altre che custodisco segretamente e gelosamente..
Mio marito per il nostro matrimonio ha riscritto la sua personale guida di Parigi che abbiamo lasciato ad ogni tavolo degli invitati ed ha avuto un grande successo! Siamo così innamorati di questa città che siamo riusciti a mandarci pure i miei genitori, che non erano mai andati all’estero né tanto meno avevano mai preso un aereo. Anche loro sono tornati innamorati ed entusiasti!
Vengo assalita spesso da attacchi di nostalgia parigini e mio marito, rendendosene conto, mi regala dei libri ambientati in questa città cosicché con la mente possa trovarmi in quella rue o su quel preciso ponte, saziando così il cuore e contemporaneamente spaziando a tempi record nella città che tanto mi ha stregata.
Ora vi segnalo dei libri che regalano emozioni e sogni, dove Parigi fa di sfondo alle trame. Ovviamente indicherò solo titolo, autore, casa editrice e il booktrailer perché questo possa stimolare la vostra curiosità:
Nicolas Barreau, Con te fino alla fine del mondo, ed. La Feltrinelli http://www.youtube.com/watch?v=emg1VF9mAGU
Nicolas Barreau, Gli ingredienti segreti dell’amore, ed. La Feltrinelli http://www.youtube.com/watch?v=E200fafyHKQ
Kristin Harmel, Finché le stelle saranno in cielo, ed. Garzanti http://www.youtube.com/watch?v=MUDTke5lv1g
Mathias Malzieu, La meccanica del cuore, ed. La Feltrinelli, http://www.youtube.com/watch?v=R7-cymVWPl8
Perché qui? Perché ora? Quale posto migliore di Parigi per sognare? (Ratatouille)
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *