una giornata no

Oggi è una giornata NO: di quelle in cui ti svegli la mattina e scopri che è tornato a farti visita il ciclo, in cui ti guardi allo specchio e pensi che un fantasma sia meno bianco di te, in cui non hai voglia di truccarti, vorresti solo ritornare a letto sotto le coperte e rimanerci seppellita per tutta la giornata.
Ma non puoi perché mentre tu, elabori tutti questi pensieri, la tribù ti richiama alla realtà: ti trovi sballottata fra un “non ci voglio andare all’asilo”, un pianto di una bambina che vuole la tetta e tuo marito che chiede “dov’è il ciuccio della marghi”?
Breve ricongiungimento con la realtà, vedi di provvedere alle richieste e soprattutto di sgommare al lavoro perché, come al solito e dico come al solito, sei in ritardo e devi anche accompagnare Alessandro all’asilo. Ottimo, è solo lunedì!
Che è un lunedì NO lo capisci già dal tragitto che stai percorrendo per andare a lavoro: in quei 18 km la radio passa pezzi che vanno dagli ZERO ASSOLUTO ai LUNAPOP, niente di energizzante solo “dammi una vespa che ti porto in vacanza” oppure “e svegliarsi la mattina e turuturutttu”…hai capito: sarà una giornata NO.
Arrivi al lavoro armata dei migliori propositi, con il tuo quadernino dove hai scritto il vademecum per la giornata, fai tutto non tralasci niente ma ad un certo punto, insieme al tuo capo, scopri di aver fatto un errore quelli con la E maiuscola su un documento importante, dove ti avevano avvertito tante volte che era opportuno stare attenta e non sbagliare. Cazzo, altro che giornata NO, giornata di MERDA!
Cerchi di trovare le migliori giustificazioni per tirare su il morale: “non hai ucciso nessuno, si può rimediare a tutto”, “meglio aver scoperto subito l’errore che accorgersene alla fine”. 
Non basta, perchè sai che sono solo meccanismi di auto-convincimento difensivo e l’animo ora è ancora più in modalità DOWN, sei sull’orlo di una crisi di pianto nervoso.
Esci da lavoro e sulla macchina c’è una cacata di volatile, pensi che la prossima “sorpresa” sia ritrovarsi casa invasa dalle cimici: il quadro delle giornata NO sarebbe quasi completo.
Sono le 15.22, è ancora una giornata NO ma ho ancora tempo per farla diventare almeno una giornata SNI…anche se la vedo dura.
Condividi

4 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *